Sesta-domenica-di-Pasqua

RITI DI INTRODUZIONE

CHIESA DEL RISORTO

1 Chiesa che nasci dalla Croce, dal fianco aperto del Signore, dal nuovo Adamo sei plasmata, sposa di grazia nella santità. Chiesa che vivi della Pasqua sei dallo Spirito redenta, vivificata dall’amore, resa feconda nella carità.

Rit. Dal Crocifisso Risorto nasce la speranza, dalle sue piaghe la salvezza; nella sua luce noi cammineremo, Chiesa redenta dal suo amore

Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo.                                              Amen.

La pace, la carità e la fede da parte di Dio Padre e del Signore nostro Gesù Cristo siano con tutti voi.     E con il tuo spirito.

ATTO PENITENZIALE

A volte il Risorto sembra averci lasciato soli e come i discepoli, abbiamo bisogno di essere rafforzati nella fede. Perché lo Spirito di verità possa essere pienamente accolto e possa portarci la sua consolazione, apriamo i nostri cuori alla sua luce e chiediamo perdono dei nostri peccati.

Breve pausa di riflessione personale

Signore, che nell’acqua e nello Spirito ci hai rigenerati a tua immagine, abbi pietà di noi.

Signore, pietà.

Cristo, che mandi il tuo Spirito a creare in noi un cuore nuovo, abbi pietà di noi.

Cristo, pietà.

Signore, che ci fai concittadini dei santi nel tuo regno, abbi pietà di noi.

Signore, pietà.

Dio Onnipotente abbia misericordia di noi, perdoni i nostri peccati e ci conduca alla vita eterna.                  Amen.

 

Gloria a Dio nell’alto dei cieli e pace in terra agli uomini di buona volontà. Noi ti lodiamo, ti benediciamo, ti adoriamo, ti glorifichiamo, ti rendiamo grazie per la tua gloria immensa, Signore Dio, Re del Cielo, Dio Padre Onnipotente. Signore, Figlio unigenito, Gesù Cristo, Signore Dio, Agnello di Dio, Figlio del Padre, tu che togli i peccati del mondo, abbi pietà di noi; tu che togli i peccati del mondo, accogli la nostra supplica; tu che siedi alla destra del Padre, abbi pietà di noi. Perché tu solo il Santo, tu solo il Signore, tu solo l’Altissimo, Gesù Cristo, con lo Spirito Santo: nella gloria di Dio Padre. Amen.

COLLETTA

O Dio, che ci hai redenti nel Cristo tuo Figlio messo a morte per i nostri peccati e risuscitato alla vita immortale, confermaci con il tuo Spirito di verità, perché nella gioia che viene da te, siamo pronti a rispondere a chiunque ci domandi ragione della speranza che è in noi. Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.

Amen.

 

LITURGIA DELLA PAROLA

Prima Lettura

Dagli Atti degli Apostoli

In quei giorni, Filippo, sceso in una città della Samarìa, predicava loro il Cristo. E le folle, unanimi, prestavano attenzione alle parole di Filippo, sentendolo parlare e vedendo i segni che egli compiva. Infatti da molti indemoniati uscivano spiriti impuri, emettendo alte grida, e molti paralitici e storpi furono guariti. E vi fu grande gioia in quella città.

Frattanto gli apostoli, a Gerusalemme, seppero che la Samarìa aveva accolto la parola di Dio e inviarono a loro Pietro e Giovanni. Essi scesero e pregarono per loro perché ricevessero lo Spirito Santo; non era infatti ancora disceso sopra nessuno di loro, ma erano stati soltanto battezzati nel nome del Signore Gesù. Allora imponevano loro le mani e quelli ricevevano lo Spirito Santo.

Parola di Dio.   Rendiamo grazie a Dio.

 

Salmo Responsoriale

  1. Alleluia, alleluia, alleluia.

Acclamate Dio, voi tutti della terra, cantate la gloria del suo nome, dategli gloria con la lode. Dite a Dio: «Terribili sono le tue opere! R/.

A te si prostri tutta la terra, a te canti inni, canti al tuo nome». Venite e vedete le opere di Dio, terribile nel suo agire sugli uomini. R/.

Egli cambiò il mare in terraferma; passarono a piedi il fiume: per questo in lui esultiamo di gioia. Con la sua forza domina in eterno. R/.

Venite, ascoltate, voi tutti che temete Dio, e narrerò quanto per me ha fatto. Sia benedetto Dio, che non ha respinto la mia preghiera, non mi ha negato la sua misericordia. R/.

 

Seconda Lettura

Dalla prima lettera di san Pietro apostolo

Carissimi, adorate il Signore, Cristo, nei vostri cuori, pronti sempre a rispondere a chiunque vi domandi ragione della speranza che è in voi.

Tuttavia questo sia fatto con dolcezza e rispetto, con una retta coscienza, perché, nel momento stesso in cui si parla male di voi, rimangano svergognati quelli che malignano sulla vostra buona condotta in Cristo.

Se questa infatti è la volontà di Dio, è meglio soffrire operando il bene che facendo il male, perché anche Cristo è morto una volta per sempre per i peccati, giusto per gli ingiusti, per ricondurvi a Dio; messo a morte nel corpo, ma reso vivo nello spirito.

Parola di Dio.    Rendiamo grazie a Dio.

 

Canto al Vangelo

Se uno mi ama, osserverà la mia parola, dice il Signore, e il Padre mio lo amerà e noi verremo a lui.

 

Vangelo

 † Dal vangelo secondo Giovanni

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Se mi amate, osserverete i miei comandamenti; e io pregherò il Padre ed egli vi darà un altro Paràclito perché rimanga con voi per sempre, lo Spirito della verità, che il mondo non può ricevere perché non lo vede e non lo conosce. Voi lo conoscete perché egli rimane presso di voi e sarà in voi.

Non vi lascerò orfani: verrò da voi. Ancora un poco e il mondo non mi vedrà più; voi invece mi vedrete, perché io vivo e voi vivrete. In quel giorno voi saprete che io sono nel Padre mio e voi in me e io in voi.

Chi accoglie i miei comandamenti e li osserva, questi è colui che mi ama. Chi ama me sarà amato dal Padre mio e anch’io lo amerò e mi manifesterò a lui».

Parola del Signore.   Lode a te o Cristo

 

Io credo in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra; e in Gesù Cristo, suo unico Figlio, nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito Santo, nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto; discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte; salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente; di là verrà a giudicare i vivi e i morti. Credo nello Spirito Santo, la santa Chiesa cattolica, la comunione dei santi, la remissione dei peccati, la risurrezione della carne, la vita eterna. Amen.

 

 

PREGHIERA DEI FEDELI

Gesù ci ha promesso lo Spirito Santo ed è nella sua forza che noi osiamo presentarci al Padre per rivolgergli le nostre suppliche.

Preghiamo insieme dicendo:

Donaci il tuo Spirito, Signore.

Per la Chiesa radunata dallo Spirito Santo: perché proclami con coraggio che Cristo è l’unico salvatore del mondo, preghiamo.

Lo Spirito di verità susciti in mezzo all’umanità profeti, che aiutino a guardare lontano e a risvegliare il nostro impegno per la costruzione di un mondo rinnovato dalla Pasqua, preghiamo.

Per noi qui riuniti attorno all’altare, perché diventiamo costruttori del regno di Dio, secondo i doni ricevuti, preghiamo.

X O Cristo, che hai promesso di pregare il Padre, perché ci mandi il Consolatore, accogli le nostre preghiere e presentale a Colui che è la fonte di ogni dono. A te la gloria e l’onore nei secoli dei secoli.

Amen.

 

 

LITURGIA EUCARISTICA

A nome della Comunità, due persone si rendano disponibili per portare all’altare il pane e il vino, mentre altre due raccolgano le offerte in denaro.

 

LE TUE MANI

1 Le tue mani son piene di fiori: dove li portavi, fratello mio? Li portavo alla tomba di Cristo, ma l’ho trovata vuota, fratello mio!

Rit. Alleluia, alleluia, alleluia, alleluia.

2 I tuoi occhi riflettono gioia: dimmi cos’hai visto, fratello mio? Ho veduto morire la morte, ecco cosa ho visto, fratello mio!

3 Stai cantando un’allegra canzone: dimmi perché canti, fratello mio? Perché so che la vita non muore, ecco perché canto, fratello mio!

 

Pregate, fratelli e sorelle, perché questa nostra famiglia, radunata nel nome di Cristo, possa offrire il sacrificio gradito a Dio Padre onnipotente.              Il Signore riceva dalle tue mani questo sacrificio a lode e gloria del suo nome, per il bene nostro e di tutta la sua santa Chiesa.

 

SULLE OFFERTE       (in piedi)

Accogli, Signore, l’offerta del nostro sacrificio, perché, rinnovati nello spirito, possiamo rispondere sempre meglio all’opera della tua redenzione. Per Cristo nostro Signore.                                           Amen.

 

PREGHIERA EUCARISTICA

Il Signore sia con voi.

E con il tuo spirito.

In alto i nostri cuori.

Sono rivolti al Signore.

Rendiamo grazie al Signore nostro Dio.

È cosa buona e giusta.

È veramente cosa buona e giusta, nostro dovere e fonte di salvezza, proclamare sempre la tua gloria, o Signore, e soprattutto esaltarti in questo tempo nel quale Cristo, nostra Pasqua, si é immolato. In lui, vincitore del peccato e della morte, l’universo risorge e si rinnova, e l’uomo ritorna alle sorgenti della vita. Per questo mistero, nella pienezza della gioia pasquale, l’umanità esulta su tutta la terra e con l’assemblea degli angeli e dei santi canta l’inno della tua gloria:

Santo, Santo, Santo il Signore Dio dell’universo. I cieli e la terra sono pieni della tua gloria. Osanna nell’alto dei cieli. Benedetto colui che viene nel nome del Signore. Osanna nell’alto dei cieli.

 

Mistero della fede.

 

RITI DI COMUNIONE

CANTO PER CRISTO

1 Canto per Cristo che mi libererà quando verrà nella gloria, quando la vita con lui rinascerà, alleluia, alleluia.

Rit. Alleluia, alleluia, alleluia, alleluia.

2 Canto per Cristo: in lui rifiorirà ogni speranza perduta, ogni creatura con lui risorgerà, alleluia, alleluia.

3 Canto per Cristo: un giorno tornerà, festa per tutti gli amici, festa di un mondo che più non morirà, alleluia, alleluia.

 

DOPO LA COMUNIONE

Dio grande e misericordioso, che nel Signore risorto riporti l’umanità alla speranza eterna, accresci in noi l’efficacia del mistero pasquale con la forza di questo sacramento di salvezza. Per Cristo nostro Signore.                                                            Amen.

 

RITI DI CONCLUSIONE

 

Il Signore sia con voi.

E con il tuo spirito.

Vi benedica Dio onnipotente Padre e Figlio e Spirito Santo.                    Amen.

… : andate in pace.

Rendiamo grazie a Dio.

Condividi su:   Facebook Twitter Google
14 maggio 2020, vincenzo-lioi